A parere dell'Agenzia delle Entrate il pagamento effettuato con assegno al professionista va tassato nell'anno che lo riceve e non in quello del versamento (Principio di Cassa)

A parere dell'Agenzia delle Entrate - risoluzione 138/E del 29 maggio 2009 - i compensi dei professionisti sono tassati nel momento in cui avviene il pagamento, pertanto, l'anno di riferimento è quello in cui il Professionista riceva l'assegno e non quello del versamento sulla propria  banca"

Coniugi benestanti separati? Debbono garantire ai figli minori anche il telefonino!

Anche i mezzi di comunicazione, e dunque i telefonini, devono essere inclusi tra i mezzi di sussistenza che il genitore separato deve garantire - naturalmente in base alle sue reali capacità economiche - ai figli minorenni e non ancora autosufficienti. Lo richiede la «attuale dinamica evolutiva degli assetti e delle abitudini di vita familiare e sociale», avverte la Cassazione.
Read More

Civili abitazioni: Sospensione sfratti per finita locazione

Ricerca e commento a cura dell'Avv. Vincenzo Romano

Città : Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Bari, Napoli, Palermo, Messina, Catania, Cagliari e Trieste, nonché quei comuni ad alta tensione abitativa con essi confinanti

L'esecutività degli sfratti per finita locazione nelle città di Torino,Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Bari, Napoli, Palermo,Messina, Catania, Cagliari e Trieste, nonché quei comuni ad alta tensione abitativa con essi confinanti,  è stata rinviata al giugno del 2009.
Il beneficio riguarda esclusivamente gli inquilini con "reddito annuo lordo complessivo familiare" inferiore a 27.000 euro, che siano o abbiano nel proprio nucleo familiare persone ultrasessantacinquenni, malati terminali o portatori di handicap con invalidità superiore al 66 per cento e che non siano "in possesso" di altra abitazione adeguata al nucleo familiare nella regione di residenza.
Con lo stesso provvedimento il Governo ha concesso al locatore lo sgravio fiscale nel periodo di sospensione, pertanto, i canoni percepiti non sono imponibili ai fini delle imposte dirette.



*DECRETO-LEGGE 20 ottobre 2008, n. 158*
*G.U.R.I. 20 ottobre 2008, n. 246*


Misure urgenti per contenere il disagio abitativo di particolari
categorie sociali.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;
Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza di ulteriormente garantire il contenimento del disagio abitativo relativamente a particolari categorie sociali di conduttori assoggettati a procedure esecutive di rilascio nei comuni capoluogo delle aree metropolitane, nonchè nei comuni ad alta tensione abitativa con essi confinanti;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 17 ottobre 2008;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con i Ministri della giustizia e dell'economia e delle finanze;

EMANA

il seguente decreto-legge:

Art. 1

  1. Al fine di ridurre il disagio abitativo e di favorire il passaggio da casa a casa per le particolari categorie sociali individuate dall'articolo 1, comma 1, della legge 8 febbraio 2007, n. 9, in attesa della realizzazione delle misure e degli interventi previsti dal Piano nazionale di edilizia abitativa di cui all'articolo 11 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, l'esecuzione dei provvedimenti di rilascio per finita locazione degli immobili adibiti ad uso abitativo, già sospesa fino al 15 ottobre 2008 ai sensi dell'articolo 22-ter del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, è ulteriormente differita al 30 giugno 2009, limitatamente ai comuni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto-legge 27 maggio 2005, n. 86, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 luglio 2005, n. 148.
  2. Fino alla scadenza del termine di cui al comma 1 trovano applicazione le disposizioni dell'articolo 1, commi 2, 4, 5 e 6, della legge 8 febbraio 2007, n. 9, nonchè i benefici fiscali di cui all'articolo 2 della medesima legge n. 9 del 2007.
  3. Alle minori entrate derivanti dall'attuazione del presente articolo, valutate in 2,29 milioni di euro per l'anno 2009 e in 4,54 milioni di euro per l'anno 2010, si provvede mediante corrispondente riduzione dell'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307, relativa al Fondo per interventi strutturali di politica economica.
  4. Il Ministro dell'economia e delle finanze provvede al monitoraggio degli oneri di cui al presente articolo, anche ai fini dell'adozione dei provvedimenti correttivi di cui all'articolo 11-ter, comma 7, della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni. Il Ministro dell'economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

Art. 2

  1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addì 20 ottobre 2008

Dal 2010 posta elettronica certificata -PEC- per tutti i professionisti.

 A cura del Dr. Antonio Russo - Commercialista in S.Maria C.V. alla Via Uccella n.6
Per tutti i professionisti iscritti all'Albo, compresi gli avvocati, dal prossimo febbraio 2010 è obbligatorio avere il PEC ossia l'indirizzo di posta elettronica basato su tecnologie di certificazione contenente la data e l'ora dell'invio e ricezione della comunicazione.
Read More

Sottocategorie